Sigaretta Elettronica: Il Controllo della Temperatura [TC]




  • Vota La Recensione!:

    Premessa: e’ una guida piuttosto lunga, pallosa e tecnica. Perdonate gli eventuali errori
    Finalmente ho avuto tempo per scrivere una guida più o meno SEMPLICE sul controllo della temperatura. Su Google si trovano tutte le informazioni necessarie su questa nuova modalità di svapo, ma spesso si crea confusione. Molti infatti abbandonano questa strada e rimangono sul buon vecchio svapo in modalità vari watt VW.

    Che cosa è il controllo della temperatura?
    Mediante appositi circuiti e box noi possiamo STIMARE a quanti GRADI stiamo svapando. Come ben sapete la sigaretta elettronica a temperature troppo alte genera sostanze TOSSICHE che sono dannose per la salute. Ecco perchè è nata questa nuova modalità di svapo. Per controllare che i nostri atomizzatori NON raggiungano determinate temperature, ma non solo! Vi sono delle positività utilizzando il TC, ossia:

    I pro del controllo della temperatura:
    -Selezioni i gradi a piacimento, basandoti anche sul tipo di liquido. Es. io svapo a 210 gradi con i fruttati, a 230 con i tabacchi e creme
    -Non puoi steccare. Il cotone non brucerà mai anche se hai finito il liquido. Il circuito interviene e subito capisci che è finito il liquido.
    -Aroma migliore e sempre fedele. Ogni singolo tiro è uguale al precedente
    -Minor incrostazioni delle resistenze (coil). Le resistenze durano di più e si puliscono più facilmente
    -Svapo sicuro senza respirare sostanze dannose (acroleina o similari)

    I contro del controllo della temperatura:
    -Se vuoi un controllo serio devi comprare BOX “serie” con circuiti come il DNA, che non costano certo 20 euro
    -Per chi ha il DNA: devi misurare la resistenza interna della box, l’analisi della scocca
    -Richiede materiali appositi per il PC, spesso questi hanno TCR inesatti, andando quindi a tentativi
    -All’inizio non ci si capisce niente

    Ti ho convinto? procediamo in questo nuovo mondo per lo svapo!
    Quando fai una coil per il controllo della temperatura, confronta la resistenza che ti è uscita su Steam Engine. Leggi la guida!
    Cliccami


    #1Che fili si utilizzano per il controllo della temperatura [TC]? Fili che variano la propria resistenza al variare della temperatura.
    Es:1 Resistenza in Kanthal [NON IDONEA AL TC] da 1 Ohm. Quando svapiamo la resistenza oscilla tra gli 0,99 Ohm e gli 1,02 Ohm al massimo. Capite bene che varia poco.

    Es:” Resistenza in Titanio [IDONEO AL TC] da 0,40 Ohm. Quando svapiamo questa può raggiungere anche l’Ohm. Ecco questo variare di “resistenza” permette al circuito di STIMARE la temperatura di svapo.

    #2Quali sono i fili idonei allo svapo col controllo della temperatura?
    -ACCIAIO 316,316L,317, 304
    -NiFe 48/52 ecc
    -Titanio T01
    -Ni200

    ***Il Kanthal o Nichrome NON vanno utilizzati in controllo della temperatura.
    In modalità vari watt (la classica) si POSSONO utilizzare i fili in TITANIO (sconsigliabile) ed acciaio 316, 316l, 317, 304. NON SVAPATE col Nife o Ni200 senza controllo della temperatura. ***
    Comprate fili di qualità, vi consiglio il produttore ZIVIPF. Scegliete il NiFe48 che è uno dei migliori materiali per lo svapo. Se siete allergici al Nichel , consiglio il Titanio. L’acciaio non l’ho consiglio perchè ha una TC PRECISION estremamente BASSA, spesso sottostima la resistenza.
    Che cosa è la TC precision? Ho creato una guida a riguardo, cliccate nel link sottostante:
    CLICCAMI


    Ok!  Ora ho una box che mi permette di utilizzare il controllo della temperatura [TC], ho il mio filo (es. Nife48 di Zivipf) che faccio?
    Rigeneriamo il nostro atomizzatore come sempre, come quando utilizzavate il kanthal.
    Una volta fatto la coil , la dovete misurare a freddo, non SCALDATELA MAI, non fate dry burn.
    Montiamo la nostra coil (senza cotone) fredda sulla nostra box, clicchiamo il tasto fire e memorizziamo la nostra resistenza. Con fili per il TC il valore della stessa è molto basso (es. 0,30 ohm , 0,50 ohm) non vi preoccupate è normale.
    Ottimo, la nostra box sa che la nostra coil fredda misura es. 0,30 ohm, questo è il punto ZERO, dove tutto parte per controllare la temperatura. Il circuito sa che si parte da 0,30 ohm a 20 gradi, quando la coil sarà a 0,80 ohm (invento) questa avrà una temperatura di 220 gradi (invento).
    Raffreddate sempre la coil prima di misurare il valore

    Cosa succede se NON misuro la resistenza a freddo? Che il circuito SOVRASTIMA LA TEMPERATURA. Facciamo un esempio:
    Basiamoci su steam engine, noi sappiamo che la mia resistenza X deve avere un valore in ohm pari a (es.) 0,30.
    Ci dimentichiamo di misurare la nostra resistenza a freddo o la misuriamo male. La box rileva un valore pari a 0,35 , ossia una differenza di 0,5. Sembra una sciocchezza ma questo SOTTOSTIMA LA TEMPERATURA.
    Noi impostiamo 220 gradi ma in realtà stiamo svapando a 250. Se avete letto male la resistenza a freddo, lasciate stare l’atomizzatore per 20 minuti e rimisurate la resistenza


    TC CON CIRCUITI NON DNA:

    La mia box mod ha un circuito proprietario che mi permette di inserire manualmente il TCR, cosa faccio?
    Il TCR (Temperature Coefficient of Resistance) indica il coefficiente di resistenza, al variare della temperatura, di un determinato filo resistivo adatto a fare resistenze. Rappresenta un parametro pressochè FONDAMENTALE per lo svapo mediante il controllo della temperatura [TC] quando non si utilizzano circuiti (come il DNA60-75-75C ecc) che permettono di caricare mediante escribe le curve del materiale scelto per la creazione della nostra resistenza.

    Utilizziamo il nostro solito NIFE48 di zivipf, il produttore ci dice il coefficiente della temperatura.
    Andiamo sul sito del produttore:

    Ecco il nostro TCR pari a 400. Ogni box che sia abilitata al TC richiede di aggiungere manualmente il TCR, noi non metteremo 400 ma bensì:
    0,00400 che è il TCR del nife 48.

    Lista di TCR COMUNI per diversi materiali :

    Acciai stainless (indicati per grado di titolazione) 
    304: 0.00105
    316: 0.000915
    317: 0.000875
    410: 0.00155
    430: 0.00138

    Materiali standard
    Ni200: 0.0052
    Titanio 01: 0.0035
    Tungsteno: 0.00450

    Materiali particolari di alcuni produttori
    Resistherm (Dicodes): 0.0032
    Nifethal52 (NiFe48 se Zivipf): 0.00400
    Nifethal70 (NiFe30 se Zivipf): 0.00506


    Il mio filo (es. vandy vape) non ha questo benedetto TCR che faccio?
    Ipotizziamo di avere l’acciaio 316L di vandy vape senza TCR. Inseriremo manualmente un TCR pari a 0,000915 sulla nosta box. Se ciò non soddisfa la vostra svapata potrete modificare MANUALMENTE il vostro TCR. Es. passando da 0,000915 a 0,000950 e così via, SENZA ESAGERARE. Non potete inserire un TCR pari a 0,000400 non ha senso.
    Ecco perchè consiglio di comprare FILI ove il produttore dichiara liberamente il TCR degli stessi. Onde evitare problematiche e casini futuri.
    Già così a parer mio si svapa con un controllo della temperatura ottimale ma NON preciso come sul DNA o similari.


    Ci sono due modi per utilizzare il controllo della temperatura:

    PRIMO: Svapando SEMPRE ad una temperatura precisa. Io voglio svapare a 220 gradi, imposto come limite questa cifra ed erogo la massima potenza in WATT. Potete mettere anche 200 watt, tanto è il circuito che poi regola la potenza. Questo aumenterà il wattaggio o lo diminuirà ogni secondo leggendo (senza farlo vedere a display) come varia la resistenza della coil. In alternativa possiamo selezionare un PRE-HEATH ossia un wattaggio iniziale che la box eroga. Io Ho un pre heath (pre riscaldamento) di 100 watt. Guardando il display vedremo che per raggiungere la temperatura che ho scelto ne eroga si e no 40w in un secondo.

    SECONDO: Utilizzare il TC come limite. Es. non voglio raggiungere i 220 gradi. Imposto 10 watt e svapo come in Vw. Se mi avvicino a 220 gradi il circuito taglierà il wattaggio scelto.


    TC CON CIRCUITO DNA:

    Ho un circuito DNA come svapo in controllo della temperatura?
    E’ considerato il miglior circuito relativo a questo ambito. Se non erro è proprio un’innovazione nata dalla Evolv.
    PREMESSA: anche qui è di fondamentale importanza misurare la RESISTENZA A FREDDO. Come scritto prima.

    PRIMO PASSO: MISURARE LA RESISTENZA INTERNA DELLA BOX:
    Abbiamo due alternative:
    1)Comprare il “cazzillo ufficiale” che manda in corto l’atom ossia “Calibration tool by signaturetips.com”. Costoso ma utilissimo o
    2)Mandare in corto l’atomizzatore. Facciamo come ho fatto io : mettiamo del rame tra i due poli in questo modo:


    Ora dobbiamo impostare la resistenza interna della box su ESCRIBE. Scaricatelo dal sito del produttore evolv: QUI
    STEP 0: Apriamo escribe e clicchiamo nel menù in alto la dicitura “Opzioni”, poi “User Interface” e selezioniamo “Manifacturer”
    STEP 1: Apriamo escribe e montiamo la nostra box. Andiamo su Dispositivo–>Elettrico e vedremo la resistenza dispositivo del produttore.
       

    Al posto del valore che vi uscirà inserite 0 e caricate le impostazioni sul dispositivo. Una volta fatto ritornate nella Home del programma e cliccate su analisi atomizzatore:

    Se avete il “cazzillo ufficiale” lo avvitate alla box (al posto dell’atomizzatore) e cliccate su “analisi atomizzatore”. Idem col secondo metodo utilizzando i cavetti in rame.
    Ipotizziamo che durante l’analisi atomizzatore vi esca 0,003 ora dobbiamo tornare dove eravamo prima su dispositivo, elettrico ed al posto dello 0 CHE ABBIAMO SALVATO PRIMA , inserire il nuovo valore, ossia 0,003. Una volta fatto carichiamo le impostazioni sul nostro dispositivo.

    NB: SENZA CAZZILLO: quando mandiamo in corto l’atomizzatore ci esce un valore (es) di 0,011 Ohm. Non inserite questo valore nell’apposita casella. Dovete togliere il 20% dovuto alla resistenza passiva dell’atomizzatore stesso. Quindi inseriremo 0,008 (-20%)


    SECONDO STEP: L’Analisi Scocca: solo per i nuovi circuiti dna:
    Il secondo step è relativo all’analisi scocca possibile solo con circuiti recenti DNA, es. DNA75C. Consiglio di far l’analisi scocca in un luogo isolato che mantenga una temperatura più o meno stabile (es. cantina). Vi dirà di inserire un valore iniziale della temperatura della vostra stanza espresso in fahrenheit.
    Se noi sappiamo (con un termometro) che in cantina abbiamo 20 gradi, li convertiamo in fahrenheit ossia 68. Selezioniamo questo valore e facciamo partire l’analisi scocca. Può durare anche 1.30 h. una volta fatta caricate le impostazioni sul dispositivo.
    Con circuiti DNA vecchiotti (tipo il mio DNA60) l’analisi scocca non è presente.


    Una volta che ho misurato internamente la resistenza interna ed eventualmente ho effettuato l’analisi scocca, sono pronto a svapare in TC alla massima precisione. Utilizziamo sempre fili adatti con una TC precision (basandoci su Wire Wizard di steam engine) maggiore di 400. Seguiamo questa guida:
    CLICCAMI


    TERZO STEP: Le Curve scaricabili per DNA CON ESCRIBE:

    PRIMO CASO: CARICARE LA CURVA DEL MATERIALE SU ESCRIBE. VALIDO SOLO PER CIRCUITI DNA (dal dna 60 in poi)

    –>Utilizzo fili del famoso produttore tedesco Zivipf. Utilizzo sempre e solo due materiali: il NiFe48 ed il Titanio.

    CASO 1:LE CURVE : Ho un circuito DNA (60 o maggiore) e voglio caricare la curva di questi due materiali. Come faccio?
    Andiamo sul sito steam engine e clicchiamo sul menù in alto la dicitura “WIRE WIZARD”:

    Come ho detto poc’anzi io voglio caricare la curva del Nife48 e del titanio.
    Il Nife48 di Zivipf va utilizzato con la curva Nifethal 52 presso steam engine, ossia:
    Se volete caricare la curva NON dovete selezionare il diametro, le spire, la lunghezza ecc. E’ una curva UNIVERSALE del materiale.
    Siamo pronti per scaricare la curva, cliccate su DNA200:

    Clicchiamo su Download TFR table as CSV e scaricherete un file in formato CSV (excel) con tanti valori al suo interno, che non ci interessano.

    Ottimo ora abbiamo la nostra curva! Dobbiamo solo caricarla su ESCRIBE, come si fa?

    Scarichiamo escribe SUITE da qui: ESCRIBE SUITE e successivamente installiamolo. Colleghiamo la nostra box con circuito DNA ed apriamo il programma.
             

    Andiamo nella sezione Materials. Clicchiamo su IMPORT MATERIAL e selezioniamo il FILE CSV scaricato poc’anzi. Una volta fatto questo apparirà nella colonna di sinistra (punto 2 evidenziano di giallo). Successivamente clicchiamo sulla freccia posta tra AVAILABLE MATERIALS e MATERIALS ON DEVICE per caricare la curva sul dispositivo. una volta fatto salvate e caricate le impostazioni sulla vostra box.
    Ottimo ora abbiamo la curva salvata sulla box mod. Non ci resta che sceglierla nei nostri profili!


    Clicchiamo sul menù in alto la sezione “GENERALE”, qui appariranno molte diciture facilmente capibili e quelli che si chiamano PROFILI. ossia tutti i profili che posso memorizzare sulla mia box. Es. profilo 1 ho il kanthal in modalità variwatt, profilo 2 ho il Nife48 in modalità TC e così via.
    Selezioniamo il profilo uno e carichiamo la CURVA salvata prima del NIFE48:
    Selezioniamo il materiale Nifethal 52 (se utilizziamo il Nife) e clicchiamo su CARICA IMPOSTAZIONI SUL DISPOSITIVO. una volta fatto nel profilo 1 avremo la curva del nostro Nife48. Sempre nel menù di questo primo profilo possiamo selezionare il wattaggio, i gradi massimi, il nome e la sigla del profilo medesimo.
    Interessante anche la potenza di riscaldamento (PRE HEATH) per coil che richiedono un gran wattaggio per raggiungere i nostri gradi di svapo ideali.
    A quanti gradi svapo?
    Non superiamo mai i 260 gradi. Vi consiglio di stare tra i 200 ed i 240, si svapa un gran bene così.

    In Allegato trovate le curve dei principali materiali idonei al controllo della temperatura PER CIRCUITI DNA, scaricatele pure, sono corrette.
    P.s Nife48 Zivipf = Nifethal 52


    E’ finita l’odissea, finalmente possiamo svapare in TC. Ricapitoliamo:

    1. Dobbiamo comprare una box che sia utilizzabile col controllo della temperatura. In genere hanno la denominazione TC nel nome della box stessa
    2. Dobbiamo utilizzare fili appositi per il controllo della temperatura
    3. Dobbiamo sapere il TCR dei nostri fili se non abbiamo un circuito come il DNA
    4. Dobbiamo misurare a freddo la nostra resistenza
    5. Se abbiamo il DNA dobbiamo analizzare la resistenza interna ed eventualmente dobbiamo fare l’analisi scocca
    6. Scegliamo se svapare ad una temperatura precisa o utilizzare il TC come limite da non superare

    LA PROVA DEL 9: Il DRY COTTON TEST:
    Ok, ho fatto tutto. Come so se i gradi riportati sulla box sono veritieri? Mediante il DRY COTTON TEST. In sostanza misuro la resistenza a freddo, ci monto il cotone e premo il tasto fire. Ringrazio Esigaretteportal per la foto
    Il cotone deve aver il colore come nella foto. Se tutti è settato correttamente a 220 gradi non succede niente, il TC taglia e colora pochissimo il cotone. Viceversa a 250 gradi. Testate per ogni fascia di gradazione il vostro cotone. Una volta che avrete ottenuto un risultato simile siete in una botte di ferro.
    P.s non dovete farlo ogni volta, ma per ogni materiale che vorrete utilizzare in TC


    Spero di avervi fatto capire un pò il mondo del controllo della temperatura!!
    A presto

    L

    Recensioni Correlate

    Allegato

    Condividi La Recensione!